Sega Megadrive

arcusVerso La fine del 1988, la Service Games (japan), produsse quella che forse si rivelò una dei migliori successi commerciali dei suoi annali, il Megadrive. A differenza dei diretti concorrenti, il megadrive vantava un processore a 16 bit, il famoso Motorola 68000, una CPU potente e versatile, utilizzata dalla Commodore nell' AMIGA, dalla APPLE nei Primi MACINTOSH e da numerosi coin op. Aiutata da un coprocessore  Z80, 64 KB di ram, il Megadrive era in grado di riprodurre ottime conversioni da Coin op (eccezion fatta per i numero di colori, solo 64 da una palette di 512), le conversioni di Golden Axe, Strider e Ghouls'n'ghosts risultarono molto fedeli alle controparti arcade.

NDR: anche il pc engine della NEC pur vantando una CPU a 8 Bit riuscì talvolta  a superare la resa complessiva del megadrive, disponendo di una palette di colori più ampia nel modello Super GRAF).

La versione USA, uscita nell'anno 1990 si chiamava GENESIS contrastata dall NEC con il Turbograph-16 (Pc Engine USA), piuttosto pericoloso dal punto di vista delle prestazioni, anche se il 16 posto di fianco al nome non indicava il numero di bit, era solo una mossa commerciale per attirare più acquirenti. Il megadrive vantava una line-up di titoli ben fatti, la grafica era buona e, forte delle conversioni da bar dei suoi stessi coin op, la SEGA sembrava non temere i rivali più piccoli, il NES e il Master System non avevano possibilità di contrastare il 16 bit Sega, persino i Computer a 16 bit come L' Amiga 500,  seppur superiore dal punto di vista tecnico (colori ,risoluzione, audio) venivano messi in difficoltà nei giochi arcade (complice anche il supporto cartuccia che annullava i caricamenti). Sparatutto e platform game su computer non riuscivano ad avvicinarsi allo splendore dei giochi MD, su cui i programmatori esaltavano le capacità   nel produrre giochi fluidi e spettacolari, nonché per contrastare il Super Famicom appena uscito dai laboratori Nintendo.

genesis-segaLa SEGA produsse quella che si rivelò la futura Mascotte dei sui sistemi casalinghi, Sonic the Hedgehog! Un platform game dalla grafica coloratissima, con uno scrolling dalla velocità e fluidità pazzesca, numerosi livelli di parallasse (che il Super Nes non eguagliò mai). Acquistai il Megadrive appena uscito in italia (NOVEMBRE 1990), nella confezione era inclusa la splendida conversione di Altered Beast che mi aveva fatto sbavare per mesi nella versione da bar, mio Padre aggiunse Forgotten World e Mistic defender, due titoli a mio parere bellissimi e divertentissimi, poi vennero tutti gli altri: Shinobi, Ghouls'n'ghosts, Golden Axe, Arcuss Odissey, Last Battle, Rocket Knigt, Sonic, Quackshot, Wonder Boy 5, e tanti tanti altri. Il megadrive é stata una console stupenda che mi ha lasciato un ricordo bellissimo nel cuore, ha divertito milioni di persone, ancora oggi quando vedo il led rosso della mia console illuminarsi mi vengono in mente quei tempi bellissimi. Qui di seguito riporto le Cartucce che ancora possiedo e a cui sono molto affezionato (sniff sniff..che tempi), ne mancano molti di quelli storici, cercherò di recuperarli pian pianino da Ebay.

 

Punti di Forza e debolezze:

megadriveIl megadrive era una console piuttosto potente per l'epoca, basandosi sulla grafica 2d riusciva ad animare moltissimi sprites contemporaneamente, lo scrolling, quasi sempre parallattico su numerosi livelli era fluido e senza incertezze, basti ricordare Thunder Force 3 e 4 o il grande Sonic the Hedgehog. Il processore principale (un veloce e ben rodato 68000 a 12 mhz) riusciva nel complesso a raggiungere prestazioni niente male anche con conversioni da coin-op con hardware molto più potente, vedi i coin-op capcom come Ghouls & Ghosts e Strider splendidamete convertiti su cartuccia. Unica Grande pecca del MD era il numero di colori, soli 64 da una palette di 512 non erano il massimo della vita, questo ne penalizzerà la resa grafica per tutta la sua vita inficiando anche le prestazioni del futuro Add on (mi riferisco al Mega CD) e gli farà perdere diversi scontri col super Nes che invece poteva vantare su un comparto grafico di tutto rispetto, con rotazione e zoom hardware (incluso il famoso mode 7) che regalò perle come F-Zero introvabili su Megadrive. Il Chip sonoro era buono, ma  il Snes esce ancora una volta vincitore con un chip più evoluto e performante.....nonostante tutto il megadrive ha avuto delle belle colonne sonore nei suoi titoli e il mega cd colmerà questa lacuna con suoni di qualità cd. Rispetto al Super Nes il megadrive eccelleva in giochi veloci, strapieni di sprites in movimento senza incappare in rallentamenti grafici, tuttavia graficamente si trovava

Titoli preferiti per Sega Megadrive

 


 

arcussodissey

Arcuss Odyssey

Un bel adventure Rpg della fantastica (a tratti) wolfteam. Si poteva giocare in due e scegliere tra 4 guerrieri, sistema di potenziamento progressivo e magie, bel caracter design (l'introduzione in stile manga era magnifica) e musiche davvero belle ed evocative, io le registravo su musicassetta pensate un pò. 9/10

daimakaimura

 

Ghouls'n'ghosts.

Il re dei coin op secondo wildfox. La prima volta che ho visto Ghouls n ghost mi stava venendo un infarto (all' epoca avevo solo il C64), grafica a dir poco meravigliosa e una giocabilità eccezionale. Ci ho giocato talmente tanto che potevo finire la versione arcade ad occhi chiusi due volte di fila. Eccezzziunale veramente, il Videogioco che mi ha fatto innamorare dei videogiochi...lo venererò per sempre. 10/10

 

goldenaxe

Golden Axe


Questa volta la sega creò un vera e propria pietra miliare contro cui si sarebbero confrontati migliaia e migliaia di cloni. L'ambientazione, i personaggi e le musiche pompavano esaltazione e adrenalina negli anni in cui il fantasy andava forte. Un bellissimo arcade e una conversione eccellente in cui c'era anche l'aggiunta di un livello extra. Peccato per il ridotto numero di colori nei fondali rispetto alla versione coin op. 8/10

 

sonic

Sonic the Hedgehog

Ho preso la versione USA (che non è quella di cui vedete la copia a fianco) di questo gioco dalla mitica Computer land di Varese (non c'era internet e gli ordini si facevano solo tramite telefono e relativa attesa per il contrassegno) e credo di essere stato una delle poche centinaia di persone ad aver giocato Sonic in italia.....ho stupito gli amici per settimane. Sonic rappresentò la rivincita della sega sul baffuto Super Mario, almeno per qualche tempo. Livelli velocissimi, curati, coloroatissimi,con uno scrolling parallattico eccellente. 10/10

 

wonderboy5

Wonderboy 5

Meravigliosa versione di Wonderboy, seconda solo all'eccelso WB in monster land. Il ragazzo prodigio attraversa in questo titolo stage vastissimi da colori pastello, grande giocabilità, bellissime musiche. Pensate che ho terminato questo titolo in jap.....e premetto che all'epoca non avevo internet (e come me non ce l'aveva nessuno) e di conseguenza non c'era neanche gamefaqs. Spettacolo  9/10

You are here Retrogaming Sega Sega Megadrive