Pc Engine Nec

DuoRLa Nec, multinazionale esperta nella produzione di componenti elettronici, progettò e commercializzò nel 1987 una piccola console che nella terra del sol levante riscosse una inaspettata fortuna. Merito non solo un hardware di tutto rispetto. Questa piccola e bianca console utilizzava come processore principale un 8bit, (per esattezza un 65C02 con un clock a 7,2Mhz) coaudiovato da due coprocessori a 16bit capaci di gestire la maggior mole di lavoro a livello grafico ma sopratutto di titoli impressionanti (per qualità) che ben si adattavano al mercato nipponico. Il Pc-engine nel corso degli anni subì diversi restyling sia a livello hardware che consolenecestetico mantenendo sempre la compatibilità tra le diverse versioni. I giochi inizialmente sfruttavano come supporto delle piccole card, simili a schede telefoniche, solo successivamente la Nec introdusse un' unità cd rom da collegare direttamente di fianco alla console, di fatto la ludoteca si ampliava notevolmente permettendo l'uso di giochi nuovi dalla colonna sonora digitale e dalla complessità più elevata. Fù la prima console a 8 Bit ad essere dotata di un'unità cd rom. Il piccolino di casa Nec riusciva a riprodurre fedelmente la grafica dei vari coin op dell'epoca, la conversione di R-Type fu così ben fatta che in Inghilterra ci fu una grandissima richiesta per la commercializzazione ufficiale della console, cosa che la Nec non fece. Il perché del successo di questa piccola consolina è presto detto, nel 1987 l'unico titolo uguale alla controparte da bar è " Super Mario Bros" per il Nes, Amiga ed ST offrivano spesso conversionii lacunose non tanto a livello grafico sonoro, ma sopratutto a livello di controlli e giocabilità. Nes e Master System con il loro hardware obsoleto non potevano competere, il PC-Engine invece, con un processore 6502 customizzato (al massimo) riusciva fare veri e propri miracoli.

ysdxrit-14I giochi venivano memorizzati sulle mitiche Hu-Card (delle cartucce grandi quanto una scheda telefonica e di una capacità che variava tra i 2 e i 20 Mbit), Subito però la scarsa capacità delle card fece sentire il suo peso(R-Type era su due card) e fu così che il supporto cd rom corresse questa piccola lacuna. Sfortunatamente nel 1987 l'importazione parallela era quasi inesistente e il PC-Engine iniziò ad arrivare solo nel 1989 in Italia. Inoltre la diversità del sistema video (NTSC per il giappone, PAL per l'europa ) limitava la diffusione della console ai pochi fortunati che possedevano un TV multistandart (successivamente uscirono i cavi RGB). Tra le diverse versioni della console ricordiamo il Super Graphx (dallo scarso scarso successo), nato come versione potenziata del Pc- Engine era più grosso e ingombrante, retrocompatibile e in più poteva leggere i gichi che sfruttavano le sue superiori caratteristiche grafiche, tra i giochi che sfruttavano il SG ricordiamo Ghouls'n'ghost ( addirittura superiore alla splendida conversione Megadrive), darius plus, Grand Zork,Aldynes e 1941.

La verità è che il Pc-engine fu una macchina favolosa (e per gli appassionati lo é ancora), grazie ad essa abbiamo potuto gustare dei titoli eccezionali, Dracula x ne è un classico esempio, ricordo anche Lord of thunder e gates of thunder, anzi gli shoot'em up erano tra i generi meglio riusciti sulla console nec, per non parlare dei platform in cui Bonk ( o Pc kid) la faceva da padrone, le conversioni da coin op erano sempre di ottimo livello e spesso superavano le controparti a 16 bit.

majikarutyeisusaihanbanNel 1989 fu introdotto un nuovo sistema operativo per il cd rom, e venne presentato un modello integrato, il Duo. Finalmente il Pc-Engine sbarcò in America con il nome di Turbo graphx 16, mero tentativo di illudere consumatori riguardo il bittaggio della macchina, diverso anche esteticamente dalla versione jap. Tuttavia la diversità di mercato (in primis il fatto che la stragrande parte del software era spiccatamente manga, il che era poco appetibile per gli americani e affievolì l'appetibilità della console in USA).

Cmq a parer mio questa console univa le cose migliori del megadrive (capacità di gestire molti sprites senza rallentare) al meglio del snes (più colori ed effetti speciali) aggiungendo musiche di qualità cd, ancora oggi possiedo un turbo duo americano, che per la cronaca legge i cd di ogni regione, e spesso lo utilizzo trascinandolo fuori dall'oblio in cui le vecchie console sembrano cadute, ma è in esse il vero spirito dei giochi odierni, che anzi, a livello di atmosfera non sempre riescono ad eguagliare le vecchie glorie del passato. (Uno su tutti il mitico Star Paroder).

 

 

 

Titoli interessanti per Pc Engine

nec-pc-engine-games 900px

 


 

draculaxDracula X: Rondò of Blood

Uno dei migliori capitoli della saga di castlevania, bello sotto tutti i punti di vista.grafica e sonoro impressionanti per l'epoca, un vero coin op a casa nostra con l'atmosfera palpabile e tetra di un classico horror. sicuramente il miglior titolo pc engine, e uno dei più grandi classici di sempre.
Eccezionale. Voto 15/10

lordofthunder

Lord of Thunder

Uno sparatutto...anzi il lord degli sparatutto, una frenesia assurda, centinaia di sprites sullo schermo, musiche rock da sballo e una frenesia incredibile.Finire lord of thunder mi ha fatto sudare sette camice, specie con il piccolo joypad della consolina nec. meraviglioso, non mi separerò mai dalla mia copia originale.Voto 10/10

pckid
Bonx's Adventure

Mascotte leggendaria del pc engine, un preistorico bambino dall'enorme capoccione, ecco chi era bc kid. capace di sconfiggere a testate sul grugno dinosauri di dimensioni bibliche senza colpo ferire.Controlli perfetti, stage lunghi e coloratissimi erano il contorno ad un platform con i controfiocchi, giocare era davvero uno spasso anche perchè le espressioni del piccolo cavernicolo erano troppo divertenti. Molto bello. Voto 9/10

streetf
Street Fighter 2

Pensavate che la console nec non riuscisse a far girare street fighter 2? non solo girava...ma era anche una delle migliori versioni in circolazione, superiore persino alla già stupenda versione per lo snes. Un capolavoro su cartuccia (costosissima), ancora oggi ricercata dagli appassionati. Necessitava del joypad a 6 pulsanti, ma ne valeva davvero la pena. Voto 10/10

R-Type

r-typeFamosissima conversione da coin op di questo meraviglioso shot'em'up, il primo ad utilizzare il laser beam, ovvero un colpos a caricamento progressivo al posto del fuoco continuo. Le versione casalinga era fedelissima al coin op e questo fece impennare le vendite della console. Maledettamente difficile come tutti i giochi pc engine. Voto 8/10


You are here Retrogaming Introduzione Pc Engine